Calcolo rata mutuo: Euribor in calo e rata più bassa

Dopo le molte difficoltà che si sono dovute affrontare per la crescita dei tassi, chi ha un mutuo a tasso variabile può ricominciare a respirare perché, finalmente, la curva dell’Euribor ha ricominicato a scendere. Cosa significa? Che nel giro di poche settimane la rata del mutuo diminuirà non poco, con non pochi vantaggi per chi si ritrova a dover rimborsare un prestito. L’Euribor è l’indice più utilizzato nel nostro Paese per calcolare quella che è la rata di un mutuo a tasso variabile. Di solito, quando si fa il calcolo mutuo,  si tende a prendere in considerazione quello a 3 mesi, che diventa l’indice di riferimento di cui abbiamo parlato appena sopra. Passando alle cifre, ricordiamo che all’inizio di questo nuovo anno, l’Euribor si trovava all’1,34%, mentre oggi si attesta attorno all’1,05%. Altri mutui prendono come indice di riferimento l’Euribor a un mese: questo si trova al momento a una cifra tra le più basse, pari allo 0,66%. Tutta questa parabola discendente non coglie di sorpresa, poiché era stata già ampiamente preventivata dagli analisti che sottolineano anche che la stessa potrebbe continuare anche nei prossimi mesi e, probabilmente anche nel 2013. Si prevedono, quindi, notevoli risparmi per tutti coloro che avevano deciso di accendere un mutuo a tasso variabile. Finalmente un po’ di respiro nel buio scenario di crisi che attanaglia la nostra economia ma, soprattutto, le tasche delle famiglie italiane che spesso trovano non poche difficoltà nel rimborso di un mutuo.

Comments

comments